Impianti di telefonia mobile, debolezze della nuova L. R. Veneto

La Legge Regionale di semplificazione e di manutenzione ordinamentale 2018 (n. 15/2018) ha apportato modifiche alla LR 29/1993 “Tutela igienico sanitaria della popolazione dalla esposizione a radiazioni non ionizzanti generate da impianti per teleradiocomunicazioni”.

In generale il nuovo impianto normativo regionale ha l’intenzione di rinnovare quello precedente, ormai superato nella pratica, e risalente al 1998 (anno di introduzione delle ultime modifiche alla 29/1993), rendendolo conforme ad alcuni indirizzi nazionali: sono abrogati gli artt. 4 (Istruttoria) e 5 (Limiti massimi ammissibili di esposizione), vengono introdotti nella disciplina anche gli impianti con potenze inferiori a 7 Watt, vengono eliminati i riferimenti alla Provincia e l’impianto sanzionatorio viene semplificato nella forma.

Tuttavia le modifiche apportate sono esclusivamente formali e non introducono elementi di novità. In particolare dall’articolato si evidenziano le seguenti debolezze:

  • Non è presente alcun richiamo alla facoltà dei Comuni di pianificare, approvando un Regolamento Comunale per disciplinare il corretto insediamento degli impianti, e individuando sul proprio territorio i siti più idonei, con adeguato strumento che sostenga le scelte dell’Amministrazione. L’adozione di un Piano Antenne con adeguata istruttoria tecnica è l’indirizzo ormai consolidato dalla giurisprudenza come l’unico percorso valido per i Comuni.
  • Non viene disciplinata la tempistica per la presentazione dei programmi di sviluppo da parte dei gestori, e consentire quindi un’efficace azione di programmazione da parte dei Comuni: in tal modo la tempistica per le richieste di nuove installazioni è totalmente arbitraria.

Legge Regione Veneto n. 29 del 9 luglio 1993 e ss.mm.ii – Tutela igienico sanitaria della popolazione dalla esposizione a radiazioni non ionizzanti generate da impianti per teleradiocomunicazioni (così come modificata da  CAPO II Legge Regione Veneto n. 15 del 20 aprile 2018)

licenza CCQuesto articolo è distribuito con Licenza CC (Attribuzione – Non opere derivate – Non commerciale) 4.0 Internazionale. È possibile scaricare e condividere questo articolo solo citando Polab srl come autore, e a condizione che non venga modificato né utilizzato a scopi commerciali.